Bilingual Is Possible!

Un percorso pensato per i bambini del nido e i loro genitori. 

È possibile parlare di bilinguismo/plurilinguismo in un contesto in cui la seconda lingua viene utilizzata solo in ambiti limitati?

La ricerca ci dice che per parlare di bilinguismo, la seconda lingua deve essere presente nella vita del bambino in misura non inferiore al 30%. Un progetto di avvicinamento alla lingua inglese nei nidi e nelle scuole è sicuramente un ottimo inizio, ma forse non è sufficiente. Proprio per questo motivo il team “At Home Everywhere” ha speso negli anni molte energie nel coinvolgere i genitori con serate di presentazione del progetto, partecipazione alle feste di sezione e la documentazione costante delle esperienze svolte in sezione.

Per questo anno educativo abbiamo però pensato ad un progetto dedicato alle sezioni dei bambini più piccoli, in modo specifico alla sezione lattanti del nido di Villalunga – Casalgrande (RE).

L’idea era di proporre un ciclo di appuntamenti dedicato a genitori (o nonni, zii, e altre figure adulte di riferimento) per avere l’occasione di parlare con tranquillità dei temi legati al bilinguismo nella prima infanzia al fine di sfatare falsi miti, credenze e  stereotipi culturali non suffragati  da evidenze scientifiche.

L’amministrazione di Casalgrande promuove da anni il progetto ed è particolarmente attenta ai contenuti della sua diffusione, affinché sia il più possibile capillare e corretta.

Ci auguriamo che questa iniziativa, che ha incontrato l’interesse dei genitori di Casalgrande, possa divenire una pratica diffusa in molti nidi.

L’obiettivo è  costruire percorsi di consapevolezza e collaborazione con il nostro staff e le famiglie, creando percorsi di continuità e relazioni tra casa e scuola.

Non è mai troppo presto per decidere di inserire una seconda (o terza) lingua: ciò che conta è farlo con consapevolezza, tenendo conto delle  aspettative nei confronti di se stessi e dei bambini.

Nobody says it’ll be easy, but we’re sure it’ll be worth it! 

0 commenti

Lascia un Commento

Vuoi partecipare alla discussione?
Sentitevi liberi di contribuire!

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *